Come ottenere un prestito veloce online e senza busta paga

Nella guida che trovate a questa pagina www.guidaprestitiveloci.it avrete la possibilità di consultare una serie di articoli specifici che vi aiuteranno ad orientarvi nel mondo dei prestiti veloci. Nella guida troverete anche dei comodi preventivi che vi illustreranno le migliori offerte attualmente disponibili sul mercato finanziario. 

In prestiti veloci sono dei prodotti finanziari che riguardano la concessione di credito a privati che sono nati solo  negli ultimi anni. Nel passato infatti pareva impensabile riuscire ad ottenere un prestito in tempi brevi, o comunque accettabili. Tutto è cambiato da quando siamo entrati in una crisi che ha modificato il nostro modo di vedere le cose da un po’ tutti i punti di vista. Anche le banche e gli enti di credito si sono adeguati, offrendo dei prodotti sempre più mirati che hanno proprio l’obiettivo di rendere più snelle le procedure che

Nella richiesta di un prestito personale, quanto conta la stipula di un’assicurazione?

I prestiti a titolo personale sono la soluzione più semplice e pratica per fare richiesta di un prestito che non sia vincolato a degli obiettivi, o degli scopi ben precisi. In effetti si tratta proprio di una forma di finanziamento che si presta piuttosto bene a diverse esigenze e che si presenza senza vincolo alcuno sul modo in andrete a sfruttare la somma che otterrete in prestito. 

Proprio per questa sua caratteristica intrinseca, il prestito a titolo personale è uno dei più richiesti. In effetti, grazie alla versatilità che lo caratterizza e alla possibilità di fare uso della cifra ottenuta come meglio si crede, questo prestito è una delle opzioni più auspicabili se decidete di richiederlo. 

Ma che dire dell’assicurazione, è necessaria anche quando stipulate un prestito a titolo personale oppure potete evitarla?

L’assicurazione è quell’elemento che vi permette di

Avviare un’impresa, quali le migliori opzioni?

Entrare nel mondo del lavoro non è cosa da poco, soprattutto per i giovani che stanno iniziando a muovere i primi passi in questo periodo di crisi economica. Per potersi creare un piccolo spazio nell’economia, molti ragazzi decidono di mettersi in proprio, e lanciare sul mercato un’idea innovativa e redditizia. 

Fin qui tutto semplice, ma quando si passa alla parte pratica sorgono i primi problemi. Come finanziare la creazione di una giovane impresa, se non abbiamo i fondi necessari per farlo? Per ovviare al problema, sempre più frequente al giorno d’oggi, gli istituti di credito hanno pensato a diverse soluzioni per i nuovi imprenditori.

Parliamo di prestiti mirati ad agevolare la nascita di una nuova attività commerciale, espressamente rivolti a ragazzi e ragazze di età inferiore ai 35 anni. Essendoci molta richiesta in tale senso, le tipologie di finanziamenti presenti

Aumentano anche in Italia le truffe creditizie

Le truffe creditizie, in Italia, sono in notevole aumento. Gli ultimi dati disponibili, quelli relativi al primo semestre del 2018, attestano al 10% la crescita in tal senso, con un danno complessivo per le persone coinvolte, più di 12mila, di circa 72 milioni di euro

I dati sono quelli forniti dall’Osservatorio CRIF e sono utili per far capire come occorra molta attenzione per non cadere vittime di uno dei furti d’identità che è la chiave di volta per l’utilizzo illecito dei dati sottratti in questione.

Se il computer è il principale imputato in tal senso, con gli hacker pronti a raggirare gli utenti più ingenui facendo leva in particolare sulla posta elettronica, nel corso degli ultimi anni le modalità con cui essi portano avanti la loro attività si sono fatte sempre più invasive. Basti pensare, ad

Prestiti auto, occorre fare molta attenzione

Per chi si appresta a cambiare la propria auto, un prestito può rivelarsi molto importante, considerato come per acquistarne una occorra sottoporsi ad un esborso molto consistente. Il problema è che quando lo si chiede alla concessionaria si può essere vittime di veri e propri raggiri o comunque di comportamenti al minimo poco trasparenti.

A testimonianza di quanto detto, va ricordato come all’inizio dell’anno l’Antitrust abbia provveduto a sanzionare un vero e proprio cartello messo in atto dalle case automobilistiche tra il 2003 e il 2017 attraverso le loro captive bank, ovvero le strutture finanziarie appartenenti alle stesse. Le società coinvolte, alcuni dei maggiori gruppi mondiali dell’automotive e del settore bancario, sono di conseguenza state condannate a pagare una maxi multa per 678 milioni di euro. Inoltre i consumatori danneggiati, che hanno pagato somme più alte di quelle dovute,

Cessione del quinto: attenzione alle polizze assicurative

La cessione del quinto di stipendio o di pensione è una formula che piace molto agli italiani. Il feeling in questione è del resto confermato dalle statistiche degli ultimi anni, che hanno visto una continua crescita dei prestiti erogati con questa formula. Ad agevolare il compito delle aziende che la propongono è in particolare il fatto che in pratica non servono garanzie o merito creditizio, in quanto l’ente erogante è praticamente al sicuro dal primo momento. A garantirgli la sicurezza di rientrare è proprio la modalità di recupero della somma prestata, con un piano di rientro che prevede rate mensili da scalare in automatico sulla busta paga o sul cedolino pensionistico dell’utente.

Semmai i problemi sono proprio per i clienti e per capirlo basta leggere quanto riportato sui prestiti con cessione del quinto all’interno dei bollettini emessi da Banca

 Poste Italiane è tra le aziende più sostenibili

L’impegno di Poste Italiane nella sostenibilità ambientale, nella trasparenza, nella valorizzazione delle persone e nell’integrazione delle comunità in cui l’azienda opera è stato confermato anche nel corso del 2018. L’azienda guidata da Matteo Del Fante è infatti al sesto posto della classifica generale dell’Integrated Governance Index (IGI), attestandosi invece alla quinta posizione nella categoria speciale dedicata alle risorse umane.

L’indagine IGI è stata condotta da ETicaNews e Top Legal potendo contare sul supporto scientifico di numerose associazioni di settore, ed è andata a misurare il grado di integrazione delle tematiche ESG (Enviromental, Social, Governance) nelle strategie aziendali. A testimoniare l’impegno in tal senso di Poste Italiane è stato in particolare il primo Bilancio Integrato di Gruppo pubblicato nel corso dell’anno, considerato un segno dell’apporto che l’azienda si è propone di dare allo sviluppo sostenibile del Paese.

 

I prestiti

Liste cattivi pagatori: ci finiscono solo i pesci piccoli?

La categoria dei cattivi pagatori è una sorta di girone infernale dantesco: chi ci finisce dentro, infatti, può trovarsi a battere contro un vero e proprio muro quando prova a rivolgersi ad una banca o ad una finanziaria per poter avere un prestito.

Non per tutti, però, questa iscrizione è così drammatica. Non lo è stata ad esempio per i grandi nomi venuti fuori all’epoca dello scandalo del Monte dei Paschi di Siena, quando furono divulgati i nomi di pezzi grossi dell’economia italiana che avevano avuto prestiti dalla banca senese senza mai ripagarli. In quel caso, però, non si trattava delle poche migliaia di euro che basta non pagare per finire sulle blacklist compilate da agenzie preposte a fornire questo servizio, ma di cifre iperboliche, spesso decine di milioni di euro, per le quali però l’istituto bancario non

Buste paga: in Italia sono più leggere di 10 anni fa

La crisi economica italiana continua a far parlare molto, spesso a sproposito. Se è infatti vero che dipende anche dallo scoppio della bolla dei mutui Subprime del 2008, occorre infatti ricordare che essa può essere considerata il logico risultato di una serie di difetti strutturali di lunga data, aggravati da decisioni sbagliate. Tra i quali uno dei più gravi è rappresentato dalla perdita del potere d’acquisto di salari e pensioni, che si è accentuata a causa delle distorsioni gravanti sul mondo del lavoro. 

Il logico epilogo di tutto ciò è stato esplicitato da un report elaborato dall’istituto dei sindacati europei Etuc (European Trade Union Confederation), in base al quale nel periodo compreso tra il 2008 e il 2018 gli stipendi italiani sono arretrati del 2% a fronte di una crescita di quelli tedeschi (11%) e francesi (7%).

Dati che

Piccoli prestiti: il web è la strada giusta

Per chi è alla ricerca di piccoli prestiti, coi quali magari acquistare un bene necessario senza mettere in crisi il bilancio familiare, la strada giusta può essere quella rappresentata dal credito online. Le piattaforme che operano sul web, infatti, sono state capaci nel corso degli ultimi anni di mettere in campo una proposta in grado di attrarre sempre più consumatori, grazie ad una serie di caratteristiche in grado di aumentare la convenienza e la comodità del finanziamento.

Per quanto riguarda il primo aspetto ad avvantaggiare i clienti è in particolare la notevole riduzione della filiera operativa, ovvero la drastica riduzione degli intermediari in gioco, che si riflette sui piani di rientro notevolmente più leggeri a quelli che caratterizzano il credito tradizionale.

La comodità della procedura è poi evidente: basta infatti mettersi di fronte al proprio computer